Infografica kaspersky

Scritto il .

Infografica su come difendersi dagli attacchi di pirateria informatica su dispositivi mobili e ATM realizzata da Kaspersky Lab, azienda specializzata nella sicurezza IT.

Spegni il telefonino e vivi

Scritto il .


di Annalisa Guglielmino  
  per Avvenire
  
Siamo in pubblico da soli? Automaticamente cerchiamo il telefonino, il dito scorre, lo sguardo fisso legge, come se nelle mani avessimo tutto ciò di cui abbiamo bisogno in quel momento, la risposta a tutto. Qualcuno dice basta. «Mani dietro la testa e lontani dal telefonino». «Guarda in alto!», Look upÈ tutto qui il video-appello lanciato da un ragazzo inglese, Théophile Duplouy, che da poco pubblicato su YouTube sta facendo il giro del mondo. «Ho 422 amici, eppure sono solo».

iOS Human Interface Guidelines

Scritto il .

Apple ha pubblicato su iBookstore l’ultima versione delle linee guida dell’interfaccia di iOS; è un manuale pensato principalmente per gli sviluppatori, ma è talmente ben organizzato e divulgativo, da risultare interessante anche per gli utenti comuni.

Google ci rende stupidi?

Scritto il .

In questi giorni sto ultimando la frequenza del corso di cui avevo parlato in un post precedente.

Vi propongo due materiali su cui mi piacerebbe avere i feedback di altri informatici ed esperti.

Allarme blackout con cellulare

Scritto il .

Nella nostra attività sistemistica spesso ci troviamo in CED di strutture che non hanno budget per sistemi di monitoraggio di un eventuale blackout della linea elettrica. Certo c’è il gruppo di continuità ma non basta.

La soluzione è un combinatore GSM che avvisi quando avviene un blackout. Ecco la soluzione low-cost con un vecchio cellulare.

Server di aggiornamenti interno per i prodotti Adobe

Scritto il .

Con questo post iniziano gli articoli su come inserire in una infrastruttura di rete un server Mac OSX per ottimizzare le prestazioni della rete.

In questo articolo presentiamo come aggiungere il servizio Adobe per fare in modo che ogni client (Apple o Windows) che necessiti di aggiornamenti ai prodotti Adobe non scarichi singolarmente i pacchetti ma faccia riferimento al server interno.

Ringrazio Matteo Cerchier per l’articolo e gli esperimenti.