Perché non Android? Ecco perché no.

2 Risposte

  1. Fabio ha detto:

    Cerco di riassumere, dopo perdita commento 🙂
    Nessuno vieta di scegliere una sola marca come produttore di talbet: questo fa decadere il problema dell’ecosistema… tutti avranno lo stesso prodotto…
    Esistono produttori anche italiani che fanno tablet: non penso che con la crisi che c’è, essi non possano venire incontro al cliente con una politica di prezzo di vendita ancora inferiore se c’è un grande volume (politica del gruppo di acq.)
    E’ una questione di filosofia: lavorare con apple significa insegnare e incunearsi in un mondo chiuso.Questo direi che lo diamo per oggettivo.
    Ora… dare la possibilità ai futuri smanettoni di poter abbracciare un mondo che gli permette , una volta masticato, di saper maneggiare con lo stesso sistema oeprativo un tablet, un telefono, un dongle tv hdmi, un protatile, un pc, una worlkstation grafica, una applicance adsl router o un nas, una webcam IP, e potrei andare avanti molto, sia un insegnamento prezioso che potrebbe diventare un lavoro con molto più mercato che quello di abbracciare ITUNEs e l’aple store con tutta la politica commerciale e protezionistica che ha la mela.
    Per ultimo: insisto.. è una questione di filosofia…
    Fincheè nella ECDL si insegna che per fare una tabella serve “EXCEL” e non un foglio di calcolo … abitueremo i giovani che per fare quelal cosa serve EXCEL…
    E dove mettiamo openoffice?, libreoffice, il vecchio lotus domino, google docs, etc etc? Penso sia arrivato il momento di pensare anche a questo. Siamo noi che diamo i mattoni su cui i ragazzi poi baseranno le loro scelte… e dobbiamo fargli capire che se uno deve comprare un mezzo per spostarsi, non gli serve una OPEL o una FIAT…. ma gli serve una automobile e questo gli permetterà di scegliere.
    Per quanto riguarda il software presente sui tablet… dico la verità… sono poco esperto su ciò….
    Ma avete mai visto BBB Big BLue Button? E’ un sistema di insegnamento online, video conferenza, condivisione documenti, lavagna condivisa, chat, alzata di mano per parlare, diverse classi contemporanee, etc etc….
    Un sistema che non ha rivali nemmeno commerciali… ed è open source.
    Apple se lo sogna di notte…
    Ebbene… se non aiutiamo queste cose… se non diamo unaspinta favorendo questa filosofia… continueremo ad usare EXCEL… perchè è l’unico programma che ci fa fare le somme alal fine della colonna.
    Detto questo, ringrazio Vit, per quello che fa sul sito e lo ringrazio anche perchè solleva inconsiamente o volutamente un dibattito del genere 🙂

    • edi ha detto:

      Pare la pubblicita’ spiccia del sistema MELA.
      CHIUSO COSTOSISSIMO TONTO SFRUTTATORE E PER NULLA ECOLOGICO.
      Questo per me e’ il sistema MELA, sistema tipicamente americano e consumista.
      Le batterie durano la meta’? ma quanto costa un misero alimentatorino?
      Il sistema android non contiene il soft come te lo cerchi?
      TE LO FAI TE LO SCRIVI E LO USI.
      Ci sono parecchie ditte che producono sistemi android : caspita ! Si chiama concorrenza!
      E mi pare che sia la cosa che fa funzionare meglio l’economia almeno finora.
      Per quanto riguarda i virus questi si producono ove ci sono piu’ sistemi interconnessi, significa solo che android funziona: ce ne sono molti di sistemi android e quindi vale la pena attaccarli (ed essere pagati per difenderli).

      Ultimo commento : ma c’e’ qualcosa di piu’ “incisivo” qualcosa di veramente importante per far pagare un prodotto quattro o cinque volte quello del suo concorrente? Forse le spese legali?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: